Liguria-Toscana è una specie di derby per l’allenatore spezzino Giuseppe Chiappucci: il CT della Rappresentativa ligure, infatti, ha trascorso la maggior parte della carriera sulle panchine toscane e sente particolarmente questo incontro.

Un incontro che, difatti, si rivela teso e soprattutto alquanto equilibrato, dove si impongono senza alcun dubbio le due retroguardie, eccezionali nel limitare gli attaccanti avversari (che a loro volta hanno anche sprecato) e a togliere tante responsabilitĂ  ai propri portieri. L’equilibrio non si spezza e fra toscani e liguri esce fuori il terzo pareggio di giornata.

Il primo squillo è tutto ligure, con il cross dalla bandierina che premia l’inserimento sul secondo palo di capitan Borreani, il quale infonde una traiettoria a parabola al pallone che però non beffa l’estremo difensore toscano. Attimi di paura al settimo minuto, con Gottingi che con una involontaria pedata prende in pieno volto Talladira: knock out tecnico per il numero 17 toscano, che dopo l’opportuna assistenza medica si rialza senza grandi problemi. Dalla conseguente punizione, Vicari va alla battuta diretta: Scalvini si distende e riesce a deviare il pallone a lato.

Inizio alquanto caldo, anche per un presunto intervento falloso di Borreani ai danni di Ciotola al limite dell’area e del regolamento, non ravvisato però dal giudice di gara, che lascia correre.

La formazione di Chiappucci fraseggia piuttosto bene in mezzo al campo, scambiando anche con rapidi tocchi di prima, ma i ragazzi di Gatti sono messi bene e non lasciano importanti vie di passaggio agli avversari. Dopo poco più di venti minuti di gara, però, Gatti deve già mettere mano alla propria panchina: escono dal campo Talladira e De Felice (entrambi infortunati) ed entrano Ricci e Tocci; nulla varia per quanto riguarda il modulo, con la corsia di destra ora presidiata da Tocci nel ruolo di mezzala e da Ricci largo sulla fascia.

Alla mezzora, grossa chance per la Toscana, perché Damonte commette fallo (e rimedia il giallo), Costantini va alla conclusione angolata ma non imprime abbastanza forza, permettendo a Scalvini di bloccare senza particolari crucci.

Al 34’, Franzino esce dalla selva con un pregevole tocco d’esterno verso Moussadi, il quale abbassa la testa e scatta in avanti, allarga per Damonte che punta l’uomo e libera la conclusione, che termina di poco a lato. Al 42’, invece, presunto tocco di mano in area di un difendente toscano, con i giocatori in maglia blu che reclamano un calcio di rigore, ma per l’arbitro la posizione del braccio non aveva aumentato eccessivamente il volume del corpo e lascia proseguire.

I liguri hanno ancora una doppia opportunità a ridosso dell’intervallo, ma prima respinge la difesa, dopodiché Tomè s’imbatte in una deviazione decisiva sopra la traversa: il primo tempo finisce a reti bianche.

Secondo tempo che inizia senza variazioni fra i 22 in campo. I vicini di casa del Piemonte tentano un affondo con Damonte alla ricerca di Tussellino, ma il passaggio è troppo lungo e viene agevolmente addomesticato da Pettinelli. Alla fine, diventa tempo per i cambi, con Gatti che leva Vicari per dare spazio a Manfredi, mentre Chiappucci leva Damonte (ammonito) e Fatnassi per inserire Mariani (che gioca con una vistosa fasciatura al ginocchio sinistro) e soprattutto Jebbar, autore del gol vittoria contro la Sardegna.

Al 14’, clamoroso errore sottoporta da parte di Alessi, che conclude al volo col piattone un traversone dalla sinistra ma spedisce fuori: completamente dimenticato dalla difesa ligure, il giocatore della Sinalunghese manca il bersaglio a ridosso dell’area piccola. Nell’azione successiva, invece, è Scalvini a ergersi sugli scudi e a sventare la minaccia con una tempestiva manata, poco elegante ma sicuramente efficace.

A metà ripresa, grave perdita per Chiappucci: Borreani, capitano nonché migliore in campo dei liguri, è costretto ad abbandonare il campo per infortunio; al suo posto, Thiam.

Alla mezzora, occasionissima per la Liguria, che riesce a penetrare in area e andare al tiro, ma prima si oppone bene l’estremo difensore, dopodiché è il solito terzetto difensivo toscano a salvare tutto creando una vera e propria muraglia umana che ostacola la conclusione a botta sicura di Jeddar.

La Liguria ci prova ancora con qualche conclusione estemporanea, ma nulla che possa far preoccupare il sempre attento Pettinelli..Poco prima dell’assegnazione dei 4 minuti di recupero, prova a risolverla Ciotola con una conclusione discendente da fuori area: Scalvini soffia forte sul pallone, che si estingue poco sopra l’incrocio dei pali.

Nemmeno i 240” aggiuntivi servono alle due formazioni in gioco per sbloccare il punteggio: la gara termina sullo 0-0, con i toscani che guadagnano il loro primo punto nel girone, mentre i liguri si fiondano a quota 4.

Fonte Sprint e Sport